Volkswagen vuole usare il quantum computing per la gestione del traffico

Il Quantum Computing è ancora in una fase iniziale di lancio, ma Volkswagen ha già un’idea di come applicarla all’industria automobilistica.

La Volkswagen ha annunciato a novembre di aver sviluppato un sistema di gestione del traffico che utilizza un aiuto che proviene da un algoritmo quantistico. Il suo obiettivo è quello di aiutare i fornitori di servizi di mobilità (ad esempio i trasporti pubblici, i taxi, etc.) a rendere disponibili i loro veicoli in luoghi in cui c’è la richiesta da parte degli utenti, riducendo in tal modo sia tempi persi per i fornitori dei servizi che i tempi di attesa per i passeggeri.

Gli algoritmi funzionano analizzando i dati, ed in questo caso, Volkswagen inizia con dati di movimento anonimi ricavati da dispositivi intelligenti e da trasmettitori di bordo. Questi dati vengono gestiti da un algoritmo non quantistico su un computer standard per calcolare dove e come si accumula il traffico e quanti potenziali passeggeri si troveranno in una determinata area. A quel punto, Volkswagen utilizza l’algoritmo quantistico, che si concentra sull’ottimizzazione di quei dati, per ottenere dei risultati utili.

Volkswagen fornisce un esempio di come potrebbe funzionare: potrebbe utilizzare l’output dell’algoritmo quantistico per determinare quante persone si troveranno in vari luoghi intorno ad una città, e dirigere taxi o servizi di trasporto pubblico, per distribuire la quantità di veicoli in base alla richiesta. La casa automobilistica ha detto che potrebbe offrire questo servizio commercialmente, e che, in futuro, potrebbe anche funzionare con auto a guida autonoma, indirizzando i veicoli verso aree dove c’è richiesta o aiutando le auto a muoversi nel traffico.

Volkswagen vuole iniziare ad utilizzare il suo algoritmo a Barcellona, ​​un luogo in cui la casa automobilistica afferma di disporre di dati sufficienti per operare. Sta lavorando con la società di telecomunicazioni Orange e con gli specialisti di data-science Teralytics per realizzare praticamente questo progetto.

Volkswagen sta lavorando ai suoi progetti con Google e D-Wave, in quanto essa stessa non possiede attualmente strumento per la computazione quantistica.

Volkswagen will use quantum computing to simulate chemical structures of future EV batteries.

Volkswagen will use quantum computing to simulate chemical structures of future EV batteries.

Articoli Recenti

Archivi

Categorie